Logo del Centro del seno pilonidale

Procedura di trattamento presso il CENTRO SINUS PILONIDALE di Monaco di Baviera

Chirurgia del seno pilonidale Parte 1

Pit picking in anestesia locale

Fistola sacro coccigea Chirurgia del (seno pilonidale): procedura di trattamento

Una panoramica completa dalla registrazione all'assistenza post-operatoria

Le strategie disponibili per il trattamento del seno pilonidale sono fondamentalmente due, ognuna delle quali presenta vantaggi e svantaggi specifici e differisce nel corso del trattamento.

  • Il trattamento mininvasivo è, come suggerisce il nome, una procedura chirurgica minore che può essere eseguita ambulatoriamente nel nostro studio in anestesia locale. A questo scopo, offriamo il nostro appuntamento "all-in-one", in cui l'intervento può essere eseguito direttamente dopo la visita e il consulto. Questo metodo è indicato per i pazienti con fistole coccigee non preoperate e per le recidive, a condizione che non vi siano difetti importanti della linea mediana. Un altro vantaggio della chirurgia mininvasiva è che, nel raro caso di recidiva, sono possibili sia un altro trattamento mininvasivo sia altre tecniche.
  • La rimozione della fistola con chiusura primaria della ferita richiede un maggiore impegno chirurgico, ma offre al paziente il vantaggio di una ferita chiusa con una minore necessità di cure. A causa dello spostamento laterale della cicatrice, anche la rimozione dei peli mediante rasatura o laser è meno importante. Tuttavia, questa procedura richiede spesso un appuntamento separato presso un centro di chirurgia ambulatoriale in anestesia generale per garantire condizioni ottimali. Questo metodo è troppo costoso per la maggior parte delle fistole che non sono state pre-operate, ma è spesso un'opzione molto valida ed efficace a lungo termine per le recidive. Viene scelta anche quando un precedente intervento chirurgico ha comportato un processo di guarigione lungo e frustrante e il paziente desidera un trattamento che si concluda rapidamente.

Fase 1: diagnosi del seno pilonidale

Fistola sacro coccigeaE' una cosa che si fa per niente?

Fistola sacro coccigea Siete già stati dal medico e la diagnosi di è confermata? Allora potete saltare questo passaggio.

Altrimenti, è possibile scoprire quali sono i sintomi tipici alla pagina Sintomi e l'aspetto di un Fistola sacro coccigea alla pagina Immagini

markus winkler afW1hht0NSs unsplash
Guardate bene e troverete delle fosse (© Markus Winkler Unsplash)

Fase 2: trovare un appuntamento

Il modo più rapido per ottenere un consulto e un trattamento con uno specialista

Il modo più semplice per farlo è prenotare un appuntamento direttamente qui nel nostro calendario online:

  • La diagnosi è chiara e desiderate un trattamento chirurgico direttamente dopo la visita e il consulto? Fistola sacro coccigea Allora la categoria di appuntamenti "Visita/Trattamento All-in-one" fa al caso vostro. Prenotate un appuntamento di 2 ore con opzione di trattamento: un grande sollievo per tutti coloro che vogliono evitare un secondo viaggio e si sono già presentati da uno specialista.
  • Fistola sacro coccigeaSe non siete ancora sicuri o volete riflettere sulla decisione in tutta tranquillità, vi consigliamo di scegliere "Consultazione speciale /Sinus pilonidalis". In questo modo avrete un appuntamento di 20 minuti per la visita e la consultazione. In seguito, fisseremo un appuntamento per l'intervento secondo i vostri desideri. Tale appuntamento di consultazione è indispensabile anche nel caso in cui venga programmato un intervento in anestesia generale, su vostra richiesta o in caso di necessità medica.

Abbiamo bisogno di queste informazioni (per All-in-one):

Si prega di notare che in queste date non è possibile effettuare esami o trattamenti per altre diagnosi (emorroidi, fistola anale, ecc.) per mancanza di spazio e/o di personale.

Un appuntamento richiesto tramite il nostro sistema di prenotazione sarà confermato dal medico solo se il paziente è già stato visitato nel nostro studio o se è stata inviata in anticipo la documentazione relativa alle immagini e se è stato compilato il questionario online ("Accesso a Ondasys").

Tedesco
Studio di chirurgia ambulatoriale Liebl Hofer Monaco di Baviera
Volantino informativo per l'intervento ambulatoriale di prelievo della fossa / sinusectomia

Fase 3: preparazione dell'appuntamento

Prima dell'appuntamento è assolutamente necessario effettuare le seguenti operazioni

Condizioni preesistenti: Vi preghiamo di comunicarci se

  • sono note patologie importanti (cuore, polmoni, coagulazione del sangue)
  • È necessario tenere conto di intolleranze e allergie (soprattutto agli anestetici locali o agli antibiotici).
  • è necessario assumere farmaci "fluidificanti" del sangue
  • oppure è necessario un trattamento preliminare (ad esempio, antibiotici per le malattie delle valvole cardiache o Minirin per le tendenze emorragiche congenite).
  • Organizzare un autista/accompagnatore: Si sconsiglia di mettersi al volante da soli per il viaggio di ritorno. Le reazioni circolatorie non possono mai essere completamente escluse. Subito dopo il trattamento, inoltre, potreste non essere in grado di partecipare al traffico stradale. È quindi meglio organizzare un autista o un viaggio con i mezzi pubblici senza cambiare troppo spesso treno.

Fase 4: il giorno dell'intervento

Questo è importante per un processo di trattamento perfetto
Indicazioni per l'ambulatorio di proctologia

Ci trovate in Brienner Straße 13 al 4° piano sopra il Café Luitpold, l'ingresso è tra il caffè e il negozio di fiori Flor&Decor.

La metropolitana si ferma proprio davanti all'edificio(fermataOdeonsplatz) e dietro il Luitpoldblock c'è un parcheggio multipiano.

Si prevede un intenso traffico cittadino, soprattutto nelle ore di punta, e un percorso imprevisto a causa di numerosi lavori stradali. Pertanto, pianificate il tempo necessario per evitare lo stress.

Non è necessario essere a digiuno per l'intervento in anestesia locale:

Non è necessario essere a digiuno per l'intervento, a differenza di quanto avviene per gli interventi in anestesia generale. Mangiate e bevete a sufficienza. Soprattutto nelle calde giornate estive, questo aiuta a prevenire i problemi circolatori.

I diabetici assumono i pasti e i farmaci come di consueto.

Se possibile, vi preghiamo di depilarvi abbondantemente i glutei. Questo facilita il nostro lavoro e la possibilità di cambiare la medicazione se il cerotto non si attacca ai peli.

48101 pinotrend idraulico 01 f54004 lime f90000 grigio argento.jpg

Il paziente si sdraia su un materasso in gel extra spesso, con una sezione regolabile per la testa e supporti regolabili per le braccia. Prima dell'inizio dell'intervento, è consigliabile recarsi ancora una volta in bagno, in modo da non "pizzicare" in seguito.

Seguono la rasatura e l'anestesia locale. Se possibile, è possibile effettuare la rasatura già a casa, risparmiando così un po' di tempo.

In genere, la procedura dura tra i 30 e i 60 minuti.

Pompa di infusione per anestesia locale delicata (anestetico locale)
Pompa tumescente per un'anestesia locale delicata (anestesia locale)

Gli anestetici locali sono utilizzati in medicina dal 1884 e bloccano la conduzione dell'eccitazione nei nervi. In questo modo, consentono un intervento indolore con una coscienza normale. Molti pazienti temono che l'anestesia locale non sia sufficientemente efficace. È quindi importante sottolineare che l'efficacia e la sicurezza dell'anestesia tumescente sono state dimostrate da numerosi studi, tra cui quello del Prof. Bussen dell'Università di Würzburg. 

Possiamo togliervi questa paura. L'anestesia tumescente (tumescenza lat. = gonfiore), sviluppata nel 1985 dal chirurgo plastico Dr. Jeffrey A. Klein negli Stati Uniti e da allora utilizzata con successo in diverse specialità mediche, offre molti vantaggi.

  • È possibile anestetizzare in modo affidabile anche aree di grandi dimensioni
  • si riduce la tendenza al sanguinamento e alle ecchimosi
  • l'anestetico ha un effetto antibatterico e previene le infezioni
  • la lunga durata d'azione garantisce l'assenza di dolore anche dopo l'operazione
  • è una procedura sicura, che grava meno sull'organismo rispetto all'anestesia generale

La letteratura specialistica sull'anestesia locale si trova in fondo alla pagina.

Laser per la chirurgia ambulatoriale del seno pilonidale in anestesia locale
Il laser blu DIOS: delicato ed efficace

Quali tipi di interventi possono essere eseguiti responsabilmente in questo contesto ambulatoriale?

Presentazione del prodotto Dermabond®, video del produttore Ethicon

Tecnica di sutura bulbare per evitare che la sutura si riapra dopo l'intervento Fistola sacro coccigea
Evert "cucitura a materasso" sul modello
Evitare emorragie secondarie - emostatici
Vari emostatici
Trattamento aperto della ferita

Di solito lasciamo aperte piccole ferite fino a 1 cm. Una sutura convenzionale spesso non funziona nella linea mediana, perché le forze di taglio, i batteri e la ricrescita dei peli compromettono la guarigione. In condizioni ottimali, è possibile derogare a questo principio con una percentuale di successo di circa l'80% alle seguenti condizioni:

  • Buona consistenza del tessuto
  • Esclusione di un ascesso
  • Epilazione laser prima dell'intervento per ridurre il più possibile la crescita dei peli nelle prime 2 settimane dopo l'intervento.
Chiusura della ferita

Vengono utilizzate due tecniche diverse:

  • Incollaggio della ferita: i bordi della ferita vengono uniti con un tipo di "supercolla" e sigillati insieme.
  • Sutura a estroflessione: la sutura a estroflessione è una tecnica di sutura che offre un'area di contatto più ampia e una migliore circolazione sanguigna e quindi stabilità rispetto a una sutura standard. Inoltre, dirige la direzione della crescita dei peli lontano dalla ferita.
Bendaggio e tamponamento

Nella cavità della ferita viene inserito un vello speciale chiamato emostatico. Questo vello fornisce una protezione aggiuntiva contro le emorragie secondarie, favorisce la guarigione della ferita e si dissolve completamente con il progredire della ferita. Questi materiali contengono collagene o gelatina di origine animale. In caso di dubbi, ad esempio a causa di uno stile di vita vegano, si prega di informarci.

Per l'area esterna si utilizza una spessa medicazione assorbente. Inizialmente, le ferite possono spesso secernere grandi quantità di liquido e la medicazione impedisce quindi di macchiare gli indumenti.

210709 LSimon 132
  • Al termine dell'intervento e dell'applicazione della medicazione, ci si alzerà lentamente dal lettino di trattamento per stabilizzare la circolazione.
  • Vi offriamo una bottiglia d'acqua, un biscotto e un antidolorifico mentre vi riprendete nella sala d'attesa.
  • Dopo un ultimo controllo della medicazione e della circolazione, si può lasciare lo studio.
  • Se avete bisogno di un certificato di incapacità lavorativa o scolastica, vi preghiamo di informarci.

Fase 6: Sulla strada di casa

Come tornare a casa in modo sicuro e confortevole

L'anestetico locale di solito continua a funzionare per diverse ore dopo l'intervento. È quindi possibile assumere una normale posizione seduta in auto o in treno senza dolore. Una leggera pressione sulla ferita è addirittura auspicabile e riduce il già basso rischio di sanguinamento post-operatorio.

Si sconsiglia di mettersi al volante di un veicolo, poiché si sta ancora pensando all'intervento e anche lievi reazioni circolatorie possono limitare la capacità di guidare.

Potete muovervi normalmente, ma il giorno stesso dell'operazione vi sconsigliamo di fare lunghe passeggiate e di fare esercizio fisico.

Se sanguina una volta: applicare diversi impacchi o materiale di cellulosa sulla ferita ed esercitare una pressione costante per 15 minuti. Può anche essere utile sedersi sulla ferita e aspettare un po'. L'emorragia post-operatoria non è pericolosa. In caso di dubbio, contattare lo studio o il numero di emergenza indicato di seguito.

Fase 7: Assistenza post-operatoria

Chirurgia del seno pilonidale Riduzione dei tempi di guarigione
Primo giorno dopo l'intervento chirurgico su un seno pilonidale - cosa considerare
La prima settimana dopo l'intervento

È possibile rimuovere da soli il grande bendaggio applicato dopo l'intervento. In seguito, è possibile e ragionevole fare una doccia con normale acqua di rubinetto a temperatura gradevole. In passato non abbiamo mai riscontrato conseguenze negative. Secondo le linee guida sull'igiene dell'Istituto Robert Koch (RKI), sarebbe necessario un filtro batterico terminale ("filtro per la legionella", ad esempio Germlyser D®), poiché solo i fluidi sterili possono raggiungere la ferita. Tuttavia, l'area della piega del sedere non è mai sterile e il lavaggio ha dimostrato di ridurre il numero di germi(Centro federale per l'educazione sanitaria).

Le attività quotidiane sono consentite per quanto possibile. Per i primi 2 giorni si deve evitare di allargare i glutei per valutare la ferita. Lo sport è consentito non appena il dolore della ferita lo consente.

Si consiglia di indossare pantaloni aderenti con un salvaslip commerciale. Questo tipo di trattamento della ferita è più comodo di una medicazione incollata. La ferita secerne secrezioni sanguinolente. Il dolore è peggiore il secondo giorno rispetto al primo e diminuisce nel corso della settimana. Il trattamento con ibuprofene, se necessario, è praticamente sempre sufficiente.

Fase 8: completamento del trattamento e profilassi delle recidive

Come garantire il successo del trattamento
Ottavo giorno dopo l'intervento chirurgico su un seno pilonidale: cosa fare attenzione

L'emostatico o il tamponamento si dissolvono. A seconda del materiale utilizzato, si presenta in forma bruno-polposa con Tabotamp® e come una schiuma bianca con Lyostypt®. Una leggera irritazione e gonfiore sono normali durante questa fase.

La fibrina, una "colla per ferite" naturale composta da componenti del sangue, forma rivestimenti giallastri che ricordano il pus, ma questo non deve preoccupare.

Di solito non sono necessarie pomate o polveri. Se la guarigione della ferita è ritardata, prescriviamo pomate con metronidazolo, mupirocina o iodio (Betaisodona®), da applicare sulla ferita due volte al giorno.

Una volta alla settimana è assolutamente necessario radere i bordi della ferita con un rasoio monouso e controllare che non vi siano peli penetrati. Questa operazione può essere effettuata da noi, dai parenti o dal medico di famiglia. In condizioni di buona luce e di buona visibilità (eventualmente lente d'ingrandimento, occhiali da lettura), si esamina la ferita e si rimuovono i peli con una pinzetta. Dopo la chiusura della ferita, la rasatura deve essere continuata per altri 2 mesi.

Abbiamo diverse opzioni per promuovere la guarigione delle ferite:

  • Un trattamento laser a bassa energia ("LLLT, Softlaser") una o due volte alla settimana stimola i poteri di autoguarigione attraverso l'attivazione cellulare.
  • Il trattamento con plasma freddo (CAP) produce una disinfezione altamente efficace e migliora la microcircolazione.
  • Il trattamento laser per la depilazione viene effettuato ogni 4-6 settimane e costituisce una misura preventiva contro le recidive. Il trattamento può essere eseguito in modo indolore in anestesia locale.

Letteratura sull'anestesia locale

Boeni, R. (2020). Una soluzione tumescente combinata di prilocaina-lidocaina ha effetti collaterali clinici inferiori rispetto alla sola lidocaina. American Journal of Cosmetic Surgery, 37(3), 114-117.

Bussen, D., Sailer, M., Fuchs, K. e Thiede, A. (2003). Anestesia locale tumescente nella chirurgia proctologica. Der Chirurg, 74(9), 839-843.

Goyal, N. (2021). Anestesia tumescente per interventi di liposuzione: una revisione. Dermatological Reviews, 2(4), 180-187.

Holt, N. (2017). Anestesia tumescente: le sue applicazioni e l'uso ben tollerato in ambiente extra-operatorio. Current Opinion in Anesthesiology, 30(4), 518-524.

Piskin, T. (2009). Anestesia locale tumescente per procedure di escissione e lembi nel trattamento della malattia pilonidale. Diseases of the Colon & Rectum, 52(10), 1780-1783.

Klein, J. (1987). La tecnica tumescente per la chirurgia di liposuzione. American Journal of Cosmetic Surgery, 4(4), 263-267.

Klein, J., & Langman, L. (2017). Prevenzione delle infezioni del sito chirurgico e dei biofilm: farmacocinetica della cefazolina e del metronidazolo sottocutanei in una soluzione di lidocaina tumescente. Chirurgia plastica e ricostruttiva globale aperta, 5(5).

Lindenblatt, N., Belusa, L., Tiefenbach, B., Schareck, W., & Olbrisch, R. (2004). Livelli plasmatici di prilocaina e metemoglobinemia in pazienti sottoposti a liposuzione tumescente con meno di 2.000 ml. Chirurgia plastica estetica, 28(6), 435-440.

Mantripragada, K., Yerke Hansen, P., Vazquez, O., Pires, G., & Becker, H. (2023). Riduzione del dolore con la ropivacaina in soluzione tumescente dopo la lipoaspirazione. Plastic & Reconstructive Surgery Global Open, 11(1),

Schöpf, E., et al. (2001) Anestesia locale tumescente: una nuova procedura di anestesia locale. Dtsch Arztebl 2001; 98(9): A-545 / B-459 / C-434