Trattamento della fistola Coccige

Trattamento conservativo della fistola del coccige

Guarigione senza chirurgia? È possibile curare una fistola del coccige da soli?

Lacausa di una fistola del coccige è il pelo che è penetrato sotto la pelle. Una guarigione duratura della fistola si verifica solo se i peli nel tratto fistola vengono rimossi. 

I peli sono spesso saldamente attaccati alla capsula fistola. Solo nelle prime fasi possono essere completamente estratte o "spazzolate".

Ogni fistola del coccige ha una porta d'ingresso. Nel caso di una fistola che non è stata pre-operata, questo è il Fossa o PorusNel caso di fistola coccige ricorrente, spesso si verifica una retrazione a imbuto sul polo inferiore della cicatrice.

Questo portale d'ingresso è rivestito di pelle (epitelizzata) se la fistola esiste da molto tempo. Di conseguenza, non può guarire da sola.

Terapia conservativa per la fistola del coccige

Con misure conservative è possibile

  • guadagnare tempo se un'operazione non è immediatamente possibile o desiderata
  • creare le condizioni ottimali per l'intervento in preparazione all'intervento chirurgico 
  • raggiungere una guarigione stabile nel trattamento post-operatorio dopo un'operazione.
La nostra luce di riferimento:

Le sezioni evidenziate in verde descrivono un trattamento che consigliamo

Riteniamo che le opzioni terapeutiche di colore giallo siano adatte in determinate circostanze

Il rosso indica che consideriamo il trattamento non idoneo o che non è offerto in Germania

depilazione

La depilazione nella zona della piega glutea è utile?

Da dove provengono i capelli che si trovano nella grotta di una fistola coccige? 

  • I capelli provengono principalmente dalle radici dei capelli nella zona della piega glutea
  • Nuovi studi dimostrano che i capelli dalla testa si trovano anche nei condotti della fistola, i capelli dalla schiena solo raramente. I capelli corti, appena tagliati dal collo sembrano penetrare più facilmente nella pelle.
  • Inoltre, accade che i depositi di forfora cheratinica dovuti alla formazione di capelli disturbati portino ad un'espansione della radice del capello. 

Secondo la mia esperienza, una piega glutea senza peli riduce il rischio di disturbi di guarigione dopo un intervento chirurgico. Molte presunte ricadute sono in realtà cicatrici da operazione poco guarite (fistole di tipo IV), che probabilmente avrebbero potuto essere evitate con una coerente depilazione nella fase iniziale dopo un'operazione.

Tuttavia, le procedure che rimuovono solo le parti visibili dei capelli (rasatura, epilazione, ceretta, zuccheraggio) non possono influenzare la radice del capello in profondità e quindi il rischio di una vera e propria ricaduta.

La penetrazione di capelli sciolti da altre parti del corpo si ottiene al meglio coprendoli con una benda chiusa.

depilazione

Utile, non importa o dannoso?

Tutto per una cura ottimale dopo l'intervento alla fistola del coccige
Antisettico senza alcool, rasoio ospedaliero e bikinizon rasoio

Osserviamo nel corso delle cure post-operatorie che il 90% di tutti i problemi sono causati dall'irritazione meccanica della ferita da parte dei capelli circostanti.

Si consiglia quindi di radersi fino a quando la ferita non è chiusa e la cicatrice non è stabile. Nella fase iniziale della guarigione della ferita, il tessuto cicatriziale è ancora morbido e vulnerabile, in modo che i peli possano riattaccarsi. 

Il modo più semplice per radersi è con i semplici rasoi monouso ("rasoi ospedalieri", ad es. della Wilkinson®) dopo averli spruzzati con un antisettico senza alcool (ad es. Octenisept®). La consistenza viscosa di questo prodotto garantisce che il rasoio scivoli senza sforzo sulla pelle e che le stoppie rasate non cadano nella ferita. L'effetto antisettico previene le irritazioni della pelle. Un rasoio per la linea di bikini può essere utile nelle zone difficili da raggiungere. Dovrebbe funzionare anche l'uso di tosatrici o tagliabarba.

I consigli per una rasatura di successo si trovano nel nostro video:

Cliccando su questo link lasciate il nostro sito web e utilizzate l'offerta di Youtube. Non abbiamo alcuna influenza sulla raccolta dei dati personali e sulla loro elaborazione e conservazione in centri di calcolo al di fuori della validità del DSGVO.

Epilazione, ceretta, zuccheraggio

Meglio della rasatura?

Nell'epilazione convenzionale, i peli vengono strappati con un sistema a pinzetta rotante (ad esempio Braun Silk-épil, Philips SatinPerfect), strisce di cera o una pasta di zucchero.

Tirando i capelli, i capelli si rompono appena sopra la radice del capello, la radice e la zona di crescita non vengono rimossi. All'esterno, ci saranno capelli liberi per qualche settimana, ma i capelli ricresceranno sempre.

Questa tecnica di epilazione è adatta soprattutto per la depilazione cosmetica. Mi sembra improbabile che possa impedire la formazione di una fistola del coccige. Al contrario, per il trattamento post-operatorio dopo un intervento chirurgico radicale, la depilazione può essere un mezzo per evitare che i capelli crescano dal lato nella ferita chirurgica ancora aperta.

Epilazione
Depilazione meccanica © istockphoto.com

Depilazione laser

Anche la migliore tecnica chirurgica non può garantire una percentuale di successo del 100%. Se una fistola si ripresenta dopo un'operazione, o si sono formati nuovi "pozzi" o si sono perforati dei peli nel tessuto cicatriziale meno stabile. Questo problema può essere evitato se le radici dei capelli nella zona critica sono permanentemente inattivate dall'energia luminosa. Un recente studio ha mostrato un dimezzamento del tasso di ricorrenza dopo l'intervento chirurgico dal 19,7% al 9,3% dopo la depilazione laser.

pomate

È già cresciuta un'erba contro la fistola coccige?

Unguenti per ascesso, "Unguenti per il treno".

Questi preparati sono registrati come medicinali tradizionali senza studi di registrazione esclusivamente sulla base di molti anni di utilizzo per il settore di applicazione. Essi hanno lo scopo di favorire la "maturazione" e l'apertura spontanea dei centri incapsulanti di pus (ascessi). Poiché la maggior parte degli ascessi scoppia a un certo punto se si aspetta abbastanza a lungo, il beneficio di questi preparativi non sembra essere provato.

  • unguento ilon® Ointment classic (prodotto successore dell'unguento per ascessi ilon®): Gli ingredienti sono trementina di larice (Terebinthina veneta), olio di trementina del pino da spiaggia tipo olio di eucalipto, vaselina bianca, cera gialla, acido stearico, acido oleico, polisorbato 20, olio di rosmarino, olio di timo, timolo, complesso clorofilla-rame (E141), butilidrossitoluene (E321). La mia letteratura - le ricerche sulla "trementina" e sugli "ascessi" hanno rivelato solo il riferimento all'uso da 2000 anni, la causa degli ascessi da iniezione di trementina negli animali da esperimento e gli studi sulle allergie da contatto causate dalla trementina. 
  • Ichtholan 50% ® Unguento contiene il principio attivo bituminosolfonato di ammonio (ittiolo), vaselina gialla, idrocarburi microcristallini (C40-C60), cera di lana e acqua purificata. L'ittiolo appartiene al gruppo degli oli di scisto solfonati ed è stato utilizzato fin dal XIX secolo come agente antinfiammatorio e antibatterico in dermatologia, in concentrazioni più elevate del 20 - 50 % anche per gli ascessi. La banca dati medica PubMed non trova nemmeno uno studio sul trattamento degli ascessi per questo principio attivo.

antibiotici

Gli antibiotici non sono un trattamento di prima scelta. Possono aiutare a contenere un'infiammazione acuta e quindi a risparmiare tempo. Nel caso di sintomi acuti, ad esempio in vacanza, questo tipo di trattamento può talvolta colmare il tempo fino a quando il paziente non è in grado di tornare a casa. Tuttavia, il successo del trattamento antibiotico è una questione di fortuna:

C'è sempre uno spettro misto di batteri diversi, per cui sono necessari antibiotici ad ampio spettro (ad esempio cefuroxime, amoxicillina / acido clavulanico). Tuttavia, è possibile che i batteri che causano l'infiammazione siano resistenti all'antibiotico utilizzato o che l'antibiotico non raggiunga un livello efficace sufficiente nel luogo dell'infiammazione. La guarigione della fistola non può mai essere ottenuta con gli antibiotici. 

Antibiotici per la fistola del coccige
Antibiotici per la fistola del coccige

Fenolo - Instillazione

(non disponibile in Germania)

Il metodo è stato descritto per la prima volta da Lawrence e Greenwood nel 1964. Dichiarano una cura nell'84% dei casi. 

Girgin riporta un tasso di successo del 64,5% per il singolo e del 95% per l'introduzione ripetuta di fenolo cristallino nel tratto fistola. Il trattamento viene effettuato in anestesia locale, i capelli vengono rimossi dal tratto fistola con una pinza e il tratto viene risciacquato. L'area circostante è mantenuta libera da peli durante tutto il periodo di guarigione.

Secondo la legge tedesca sulle droghe, il fenolo non può più essere utilizzato (monografia negativa Pharm. Ztg. 143 (1997), 4103 e 4386). È tossico e irrita la pelle e le mucose.

Le misure di accompagnamento corrispondono ad una raccolta differenziata. Un ulteriore vantaggio del fenolo non mi sembra quindi dimostrato.

fenolo2.svg
Formula chimica del fenolo © Di NEUROtiker
Studi sull'instillazione con fenolo
Autore
Anno
Quantità
Percentuale di seguito
Anni successivi
% Ricorrenza
% Complicazione
Maurice
1964
21
Non specificato
1,5
19
Non specificato
Aygen
2010
36
100
4,5
13,9
8,3
Ragazza
2012
48
96
1,83
5,0
Non specificato
Calikoglu
2017
70
95,9
3,3
14,3
8,6
Dogru
2020
1026
Non specificato
Non specificato
15,7
Non specificato

Vaselina, henné e tetraciclina - la miscela dall'Iraq

(non disponibile in Germania)

Uno studio randomizzato su 400 pazienti è stato pubblicato dall'Università di Sulaymani in Kurdistan. Nel gruppo terapeutico è stata iniettata nel tratto fistola una miscela di 100 g di vaselina, 50 g di henné in polvere (Lawsonia inermis) e 5 g di tetraciclina. Nel gruppo di controllo la fistola è stata asportata con chiusura della ferita primaria. I tassi di guarigione sono stati del 94% per la chirurgia e dell'89% per l'iniezione di unguento. Purtroppo non ho trovato alcuna informazione nel lavoro sul tasso di follow-up e sul periodo di osservazione. Conclusione: idea non convenzionale, valutazione non possibile.

Medicina ayurvedica

(non disponibile in Germania)

Tradizionalmente, la medicina ayurvedica utilizza drenaggi di filo impregnati di estratti di piante e sali per il trattamento delle fistole. Una pubblicazione può essere trovata su un Combinazione di escissione chirurgica, scleroterapia con olio caldo e applicazione di solfato di rame. Le scoperte scientifiche su questi metodi permettono solo una menzione aneddotica, ma nessuna valutazione della procedura.

integratore alimentare

Con una dieta altrimenti equilibrata, siamo dell'opinione che un integratore alimentare specifico non sia necessario.

Senza fumo

Non c'è bisogno di dirvi che fumare non è salutare. Che fumare almeno il doppio del tasso di recidiva dopo l'intervento chirurgico per la fistola del coccige potrebbe interessarvi, dopo tutto. E per l'acne inversa, il fumo è il principale fattore di rischio. Se volete, ne abbiamo di buone. Consigli su come smettere di fumare più facilmente di quanto pensiate di poter fare!

Trattamento di follow-up dopo l'intervento chirurgico di un seno pilonidale

- tanto importante quanto l'intervento stesso!

Non c'è dubbio che la maggior parte dei problemi e anche le cosiddette recidive si verificano dopo l'intervento chirurgico di una fistola coccige a causa di un trattamento di follow-up inappropriato o trascurato. Di seguito vogliamo spiegare quali misure sono indispensabili dal nostro punto di vista e quali sono di dubbia utilità.

Ardelt, M., & Settmacher, U. (2016). Limberg Flap è rombico, non romboide. Chirurgia plastica e ricostruttiva, 137(2), 494e-495e

Azab AS, Kamal MS, Saad RA, Abou al Atta KA, Ali NA. Cura radicale del seno pilonideo mediante un lembo romboidale di trasposizione. Fr. J Surg. 1984;71(2):154-155

Azab, A., Kamal, M., & el Bassyoni, F. (1987). La logica dell'utilizzo del lembo di trasposizione fasciocutaneo romboidale per la cura radicale del seno pilonideo. La rivista di chirurgia dermatologica e oncologia, 12(12), 1295-9.

Banerjee, D. (1999). L'eziologia e la gestione del seno pilonidale. Journal of Wound Care, 8(6), 309-310.

Bascom, J. (1983). Malattia pilonidale: risultati a lungo termine della rimozione del follicolo. Malattie del colon e del retto, 26(12), 800-807

Delshad, H., Dawson, M., Melvin, P., Zotto, S., & Mooney, D. (2019) La pit-piccola risolve le malattie pilonidali negli adolescenti. Giornale di chirurgia pediatrica, 54(1), 174-176.

Iesalnieks, I., Deimel, S., & Schlitt, H. (2014). Chirurgia "Pit-picking" in pazienti con sinusite pilonidale. Il chirurgo, 86(5), 482-485.

Karydakis, G. (1974). Nuovo approccio al problema del seno pilonideo. Lancet (Londra, Inghilterra), 2(7843), 1414-5.0

Karydakis, G. E. (1992). Trattamento facile ed efficace del seno pilonideo dopo la spiegazione del suo processo causale. Anz Journal of Surgery, 62(5), 385-389.

Limberg AA. Le tendenze moderne della chirurgia plastica. Progettazione di patelle locali. Mod Trends Plast Surg. 1966;2:38-61

Lord, P., & Millar, D. (1965). Seno pilonidale: un trattamento semplice. British Journal of Surgery, 52(4), 298-300.

Melhorn, S., & Staubach, P. (2019). Bituminosolfonato di ammonio. Il dermatologo, OnlineFirst, 1-3

Pronk, A., Eppink, L., Smakman, N., & Furnee, E. (2017). L'effetto della depilazione dopo l'intervento chirurgico per la malattia del seno pilonidale sacrococcigeo: una revisione sistematica della letteratura. Tecniche di coloproctologia, 22(1), 7-14.

Salih, A., Kakamad, F., Salih, R., Mohammed, S., Habibullah, I., Hammood, Z., Aziz, M., e Baba, H. (2018). Gestione non operativa della malattia del seno pilonidale: un ulteriore passo avanti verso la terapia di gestione ideale - uno studio randomizzato controllato. Chirurgia, 164(1), 66-70.

Tripathy, R., John, N., Vijayalekshmi, S., Nair, N., & Pasupalan, S. (2019). Taila Dāha (Cauterizzazione con olio) all'approccio innovativo nel seno pilonideo. Antica scienza della vita, 36(2), 104-109.

  • x