Logo del Centro del seno pilonidale

Fistola sacro coccigea concedersi?

Dai rimedi casalinghi agli antibiotici

Fistola sacro coccigea: Trattamento alternativo senza chirurgia?

Prevenire, trattare, evitare le ricadute

Situazioni di terapia e misure individuali

Quando i capelli saranno rimossi, la fistola guarirà.

Il Fistola sacro coccigea guarisce da solo? Non c'è da aspettarselo. Infatti, la cura di un Fistola sacro coccigea può essere ottenuta solo con un intervento chirurgico. Puoi scoprire quale metodo chirurgico è meglio per te e come la chirurgia minimamente invasiva può togliere la paura dalla questione sulla nostra pagina sulla chirurgiaFistola sacro coccigea

Tuttavia, le misure conservative sono di grande importanza. Qui vi diciamo quali rimedi casalinghi, consigli comportamentali, farmaci e trattamenti non chirurgici sono raccomandati.

  • al fine di evitare un Fistola sacro coccigea
  • abbattimento
  • per evitare complicazioni
  • per il trattamento di follow-up e la cura delle ferite dopo un'operazione Fistola sacro coccigea

Naturalmente, la lista non pretende di essere completa. Siamo felici di ricevere i vostri suggerimenti e proposte di miglioramento.

Dai rimedi casalinghi agli antibiotici
Fistola sacro coccigea evitare

Prevenire l'infiammazione

Per disturbi minori o casi di un Fistola sacro coccigea in famiglia.

Trattamento laser preventivo?

Se volete prevenire del tutto un Fistola sacro coccigea , dovrete iniziare presto. Probabilmente le prime "fosse" si sviluppano già dall'inizio della pubertà. I nostri pazienti più giovani non hanno quasi mai più di 13 anni.

Una rimozione precoce e permanente dei peli della piega glutea con il laser sarebbe forse un trattamento causale. Purtroppo, non si può stimare in modo affidabile quale giovane beneficerebbe dell'epilazione laser. L'epilazione laser non è coperta dall'assicurazione sanitaria obbligatoria. Sono sempre necessari diversi trattamenti. Un'epilazione laser puramente preventiva mi sembra quindi giustificata solo in caso di pelosità molto pronunciata o di diversi membri della famiglia affetti da Fistola sacro coccigea .

Fistola sacro coccigea senza trattamento?

Se avete pochi disturbi o un'infiammazione dolorosa si è appena attenuata, la motivazione per un'operazione è bassa. Se poi si leggono rapporti sulla difficile guarigione delle ferite nel forum Fistola sacro coccigea , si dovrebbe piuttosto rimandare l'argomento.

Da un lato, questo non è un problema, perché Fistola sacro coccigea non diventa (quasi) mai pericoloso. Ecco perché la linea guida raccomanda anche di osservare solo la cosiddetta "fistola blanda".

D'altra parte, la chirurgia nell'intervallo senza sintomi è tecnicamente la più semplice e la chirurgia minimamente invasiva è la più facile da attuare. Al più tardi quando si verifica il prossimo episodio infiammatorio, si vorrebbe aver già fatto il trattamento.

Non lasciatevi spaventare. La maggior parte delle fistole ha probabilmente un periodo di formazione. Poi, una volta che il dotto è incapsulato, la fistola non cresce troppo rapidamente. Non si teme la diffusione al coccige o al retto.

Diagnosi precoce: il controllo del rischio in 6 punti

Se dovete rispondere sì a diverse di queste domande, potreste essere esposti a un rischio maggiore. Poi chiedete al vostro medico o a un'altra persona di fiducia di cercare nella piega delle natiche gonfiori, arrossamenti e soprattutto aperture.

  • Hai molti peli sul corpo?
  • Si è verificato un Fistola sacro coccigea in parenti stretti?
  • Vi sedete spesso per molte ore senza pause?
  • Spesso non avete la possibilità di lavarvi/doccia a fondo?
  • È esposto professionalmente ai capelli (parrucchiere, contatto con peli di animali)?
  • Ti fa male quando sei seduto?
Fattori di rischio Fistola sacro coccigea Controllo
Controlla il tuo rischio per un Fistola sacro coccigea (© istockphoto.com)

Fistola sacro coccigea: Ottimizzare l'igiene

Igiene generale del corpo

Non si ottiene un Fistola sacro coccigea perché non ci si lava abbastanza. Tuttavia, il punto più profondo della piega glutea (in linguaggio tecnico: Rima ani) è spesso trascurato. Se i frammenti di capelli si raccolgono qui, possono essere massaggiati nella pelle. L'umidità e le squame cornee esfoliate della pelle formano un terreno fertile per i batteri e ostruiscono i pori dilatati. Quindi: quando fate la doccia, tenete una natica di lato e sciacquate bene la rima ani.

Prevenzione dell'infiammazione

La pulizia con acqua e sapone è utile per ridurre i batteri. In uno studio norvegese, il lavaggio era addirittura superiore alla disinfezione con soluzione alcolica.
 
Una lozione detergente per la pelle a pH neutro (leggermente acida con un valore pH di 5,5) fatta di detergenti sintetici ("Syndet") è ottimale. In questo modo, lo strato protettivo della pelle non sarà attaccato.
 
In caso di infiammazioni frequenti, si pone la questione se le lozioni di lavaggio antibatteriche per la riduzione dei batteri ("decolonizzazione") sono sono migliori di una doccia normale. Qui di seguito troverete una panoramica sull'igiene e la disinfezione del corpo.
iStock 996105230
Non dimenticare la piega glutea durante la doccia (© istockphoto.com)

Fistola sacro coccigea: "Stile di vita"

Evitare di stare seduti per lunghi periodi

Molti problemi ai glutei sono un risultato indiretto dell'andatura eretta. Questo ha creato la profonda piega dei glutei con una superficie di contatto costante delle natiche, che a sua volta è la causa dell'umidità e dell'attrito.

Inoltre, le persone moderne passano troppa parte della giornata sedute. Questo inizia già a scuola e continua con l'università, l'ufficio e gli spostamenti in auto, treno e aereo.

Sedersi è il nuovo fumo?

Mi sembra una formulazione esagerata. Tuttavia, fa certamente bene al sistema muscolo-scheletrico, al sistema cardiovascolare e al metabolismo, e anche alla zona sensibile della piega glutea, se non si sta seduti per molte ore di seguito. 

L'inevitabile spostamento del peso da una natica all'altra e viceversa provoca un effetto nastro trasportatore che può trasportare i peli e impalarli nei tessuti molli.

Sedersi è ancora più significativo se c'è già un Fistola sacro coccigeanon ancora rilevato e le piccole aperture sono funzionalmente chiuse dalla pressione quando ci si siede. Allora il carico di pressione persistente può diventare l'innesco di infiammazioni dolorose.

Lavorare a un tavolo alto

Sedersi è il nuovo fumo? Mi sembra una formulazione esagerata. Tuttavia, fa certamente bene al sistema muscolo-scheletrico, al sistema cardiovascolare e al metabolismo, e anche alla zona sensibile della piega glutea, se non si sta seduti per molte ore di seguito. 

L'inevitabile spostamento del peso da una natica all'altra e viceversa provoca un effetto nastro trasportatore che può trasportare i peli e impalarli nei tessuti molli.

Sedersi è ancora più significativo se c'è già un Fistola sacro coccigeanon ancora rilevato e le piccole aperture sono funzionalmente chiuse dalla pressione quando ci si siede. Allora il carico di pressione persistente può diventare l'innesco di infiammazioni dolorose.

Molti datori di lavoro hanno riconosciuto che lavorare in piedi, almeno per una parte del tempo, fa bene alla salute e anche alla produttività dei dipendenti e forniscono scrivanie regolabili in altezza. Anche nell'home office non è necessariamente un lusso pensare a un tavolo del genere.

Verde = consigliato
SHOP Desktopia Pro bianco Bianco
Postazione di lavoro regolabile in altezza (© www.ergotopia.de)

"Cuscino per il coccige"

Il coccige non è affatto un'estensione inutile delle ossa pelviche. Numerosi legamenti e muscoli iniziano qui. Una postura scorretta non porta necessariamente a Fistola sacro coccigea, ma al dolore quando si sta seduti. Cuscini di seduta adeguati portano a una ridistribuzione del carico del peso e possono alleviare tale dolore.

Nella cura dopo la chirurgia Fistola sacro coccigea , un tale cuscino può facilitare la seduta.

cuscino per emorroidi
Un cuscino ortopedico può portare sollievo

Se hai un lungo viaggio in macchina o in aereo, evita di stare seduto per ore senza fare una pausa. Fermarsi più spesso all'area di sosta e camminare qualche passo allevia la regione del coccige e previene l'accumulo di umidità. Anche sull'aereo, non si sieda stipato in carrozza per tutto il viaggio verso la Thailandia, ma faccia qualche passo nel corridoio anche se è noioso.

Il nostro rating

L'elenco delle misure possibili

Cosa aiuta davvero

Lavaggio e disinfezione

Ferito? Per prima cosa disinfettare la ferita, impariamo fin da piccoli. Dopo tutto, le infiammazioni sono causate da agenti patogeni, che devono essere eliminati con disinfettanti. Meno noto è il fatto che quasi tutti i disinfettanti e antisettici non solo uccidono i batteri, ma danneggiano anche la normale flora cutanea* e le cellule di difesa dell'organismo (leucociti) e di guarigione delle ferite (fibroblasti).

Senza una ferita o con una normale guarigione della ferita non c'è quindi una buona ragione per la disinfezione. La colonizzazione con batteri è in ogni caso inevitabile nella regione della piega glutea e dell'ano e non è nemmeno dannosa. Solo in caso di infezione, cioè di crescita batterica patogena nella ferita, gli antisettici possono essere utili in casi individuali giustificati.

Oggi, la flora della pelle è meglio chiamata microbioma . Flora, dal nome della dea romana dei fiori e della giovinezza, si riferisce al regno vegetale, al quale i batteri non appartengono.

Disinfezione e antisettici per Fistola sacro coccigea
Batteri nella capsula di Petri - Bisogna disinfettare su Fistola sacro coccigea ? © istockphoto.com

Prodotti per la pulizia e la disinfezione in sintesi

"Sciacquare accuratamente la ferita ogni giorno (più volte)". - Questa è la raccomandazione più comunemente riportata per la cura delle ferite. Cosa dice la scienza?

Un'analisi Cochrane del 2012 ha trovato che diversi tipi di irrigazione delle ferite (acqua di rubinetto vs acqua bollita vs salina vs nessuna irrigazione) erano equivalenti.

Il Robert Koch Institute (RKI) commenta tuttavia come segue:"Ogni liquido di risciacquo deve essere sterile. L'acqua del rubinetto non è priva di microrganismi. Solo le soluzioni sterili possono essere usate per sciacquare le ferite".

Quello che dice l'RKI è la legge. 

Tuttavia, sento di poter commentare queste opinioni:

  • L'irrigazione della ferita in senso proprio è raramente necessaria dopo la chirurgia Fistola sacro coccigea . Le ferite lasciate aperte non si infettano quasi mai. Nel caso di una ferita suturata, l'irrigazione non è sufficiente in caso di infezione. La ferita di solito deve essere aperta chirurgicamente.
  • La raccomandazione si riferisce alla cura delle ferite nelle case, cioè delle ferite problematiche nei pazienti anziani e/o malati. Il paziente con Fistola sacro coccigea è di solito giovane e sano.
  • La piega glutea non diventa mai sterile in modo permanente. E nemmeno le mutande del paziente. Quando si tratta della questione pragmatica se la doccia, cioè l'igiene generale del corpo, sia permessa dopo un intervento chirurgico, non credo che si debba essere più pontifici del Papa.
Acqua del rubinetto per il risciacquo durante la cura della ferita dopo Fistola sacro coccigea OOP?
L'acqua del rubinetto è adatta all'irrigazione delle ferite? RKI e DGKH lo sconsigliano!

Migliorare la qualità dell'acqua: La Società Tedesca per l'Igiene Ospedaliera (DGKH) dice a proposito dell'acqua di rubinetto:"Quando si usano filtri sterili terminali all'uscita dell'acqua, l'acqua potabile ... può raggiungere la purezza microbiologica necessaria. Tuttavia, questi filtri dovrebbero essere cambiati ogni giorno...". 

I filtri adatti sono disponibili come prodotti monouso o in sistemi di noleggio con incluso il ritrattamento. La soluzione migliore è un sistema terminale come un manipolo alla doccia. Questa mi sembra una soluzione raccomandabile e praticabile

Non è necessario "pulire" la ferita. Una o due volte al giorno, tuttavia, si consiglia di fare una doccia per rimuovere i residui di secrezione, i peli sciolti e le squame cornee esfoliate della pelle nella piega delle natiche.

Filtro antibatterico per la doccia della ferita dopo Fistola sacro coccigea OP
Germlyser D, filtro per docce mediche (Immagine © Aqua free GmbH)
Filtro sterile per post-trattamento per Fistola sacro coccigea
Con un soffione filtrante adatto, l'irrigazione della ferita è facile (Immagine © Aqua free GmbH)

Conclusione: la doccia della piega glutea e della ferita con acqua di rubinetto filtrata è consigliata a tutti.

Nuove nel trattamento delle ferite sono le preparazioni acquose stabilizzate di NaOCl/HOCl. Combinano un'ottima efficacia contro quasi tutti i tipi di patogeni, compresi i germi problematici resistenti, con un'ottima tollerabilità. È l'unico antisettico consentito nel trattamento delle infezioni gravi nella cavità addominale e nel sistema nervoso centrale. NaOCl/HOCl è quindi già indicato come il nuovo gold standard nel trattamento delle ferite.

Rappresentanti di questo gruppo sono, per esempio, i prodotti Veriforte™ med, Granudacyn®, Lavanox-Serag® e Microdacyn®, che sono disponibili come gel per ferite, soluzione di irrigazione e spray per ferite.

Pro:

  • Nessun risciacquo richiesto
  • Nessuna resistenza conosciuta
  • Non tossico per le cellule somatiche
  • Trattamento non limitato nel tempo
  • Applicazione nelle cavità del corpo possibile
Antisettico ottimale per il trattamento delle ferite dopo la chirurgia Fistola sacro coccigea
NaOCl-HOCl fa scoppiare i microrganismi monocellulari, ma non danneggia le cellule del corpo! (© Focusmed Beyer KG Austria)

Conclusione: NaOCl/HOCl può essere raccomandato senza riserve come antisettico efficace e delicato.

Un blocco di sapone alla cagliata era presente in ogni casa. E molti possono ancora ricordare che le nostre nonne lodavano un bagno in acqua calda e sapone come una panacea per l'infiammazione.

Il sapone è chimicamente il sale di sodio degli acidi grassi. Alcuni nomi di marche (Palmolive®) ricordano i grassi utilizzati, olio di palma e d'oliva. Nel sapone cagliato, il nucleo di sapone viene separato aggiungendo sale comune per formare una soluzione di sapone.

Il sapone di cagliata è alcalino e ha un buon effetto detergente. Tuttavia, questo valore di pH attacca il mantello acido della pelle. Il vantaggio del sapone di cagliata è che è privo di profumi e coloranti e può quindi causare meno allergie.

Efficacia terapeutica non dimostrata: Una ricerca nel database medico PubMed non ha rivelato alcuna prova che il sapone alla cagliata abbia un effetto curativo.

Si trovano solo raccomandazioni sporadiche e non provate. Nella prevenzione delle infezioni della ferita dopo la ferita ha dimostrato salina superiore al lavaggio con sapone.

Conclusione: il nostalgico bagno di sapone alla cagliata non può essere raccomandato su una base scientifica.

Rosso = non consigliato o non disponibile
Il sapone di cagliata come rimedio casalingo su Fistola sacro coccigea non può essere raccomandato.
Sapone di cagliata come rimedio casalingo su Fistola sacro coccigea?

L'Octenidine (Octenisept) è efficace contro i batteri, i funghi e in misura limitata contro i virus. È ben tollerato e non brucia sulla ferita. Non ha effetti negativi sulla guarigione delle ferite. Grazie alla sua consistenza leggermente viscosa, è adatto come lubrificante per la rasatura. 

Precauzioni per l'uso:

  • Nel caso dell'irrigazione della ferita, il preparato non deve essere introdotto o iniettato nel tessuto sotto pressione.

  • Non dovrebbe essere usato simultaneamente con antisettici a base di PVP-iodio su aree cutanee adiacenti.
Clorexidina per il lavaggio antibatterico in caso di Fistola sacro coccigea
Formula chimica della clorexidina (Yikrazuul - Opera propria, Dominio pubblico, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=4347057

In Germania, laclorexidina è usata principalmente in odontoiatria come soluzione per il risciacquo della bocca. Un'altra applicazione riconosciuta in Inghilterra e negli Stati Uniti è l'uso prima delle operazioni per ridurre le infezioni delle ferite.

Ha un ampio spettro di attività contro i batteri gram-positivi e gram-negativi e i lieviti. Sono state descritte reazioni allergiche e un'influenza sul tessuto connettivo e sulle cellule della pelle.

Considererei la cosiddetta decolonizzazione adatta alla prevenzione delle infiammazioni in relazione a situazioni di rischio (viaggi, preparazione di esami, ecc.) su Fistola sacro coccigea . A causa dello stato di approvazione, il trattamento dovrebbe essere classificato come una terapia off-label. Nel caso di un trattamento permanente, gli effetti negativi sarebbero probabilmente predominanti.

Attualmente non esiste una raccomandazione di linee guida sulla clorexidina.

La lozione di lavaggio alla clorexidina è disponibile in Germania solo per i professionisti del settore medico come Skinsan Scrub N™. Tramite i distributori europei Desinclor sapone antisettico alla clorexidina 0,8% offerto. Negli Stati Uniti, i preparati contenenti clorexidina sono disponibili senza prescrizione medica. In uno studio australiano, la decolonizzazione tramite lavaggio con clorexidina è stata significativamente più efficace nel prevenire i problemi di guarigione delle ferite rispetto all'assunzione di antibiotici in compresse.

Come ingrediente di Bepanthen Antiseptic Wound Cream, la clorexidina è approvata per il trattamento delle ferite superficiali. In singoli casi, il suo uso può essere giustificato nel caso di disturbi di guarigione delle ferite che non possono essere influenzati in nessun altro modo.

L'irrigazione della ferita con clorexidina probabilmente impedisce la guarigione più di quanto non aiuti e non è raccomandata.

Conclusione Clorexidina: adatta per l'antisepsi della pelle prima delle operazioni, per la decolonizzazione in caso di colonizzazione di MRSA. L'applicazione occasionale per la profilassi dell'infiammazione delle fistole coccigee, ad esempio prima di lunghi viaggi, sembra giustificata. Per il trattamento antisettico delle ferite la clorexidina è adatta con restrizioni, la prima scelta è HOCl, poliesanide e Octenisept.

La soluzione di PVP - Iodio è adatta alla disinfezione preoperatoria della pelle e delle mucose. Lo iodio è raccomandato per l'irrigazione delle ferite in misura limitata. Il colore marrone contamina il lavaggio. Nel caso di ferite leggermente contaminate, predominano gli effetti negativi sulla guarigione della ferita. 

Creme, polveri, unguenti

È già cresciuta un'erba contro il Fistola sacro coccigea? I tedeschi spendono quasi 5 miliardi di euro all'anno in medicine da banco. 65 milioni di confezioni di unguenti e creme attraversano il bancone della farmacia ogni anno.

Abbiamo cercato di chiarire cosa si può risparmiare e quali preparazioni hanno un beneficio provato.

L'effetto disinfettante dello iodio su batteri, virus, funghi e spore è noto da tempo. Grazie alla sua efficacia universale senza resistenze note, viene spesso utilizzato in molti campi medici (Revisione dello iodio nel trattamento delle ferite).

Lo iodio elementare non è solubile in acqua ed è tossico per i tessuti. Lo iodio povidone (syn. PVP iodio, polivinilpirrolidone-iodio), invece, è solubile in acqua e tollerante ai tessuti e rilascia continuamente piccole quantità di iodio. La sostanza è disponibile come tintura e unguento. 

Lo iodio non deve più essere considerato un antisettico vecchio stile.... Forse il suo maggior punto di forza è che i batteri non hanno trovato il modo di sviluppare una resistenza anche dopo 150 anni di utilizzo nell'uomo.

Abbiamo avuto una buona esperienza con la pomata allo iodio PVP per sostenere la guarigione ritardata della ferita nella zona della piega glutea. Gli effetti positivi sembrano superare l'inibizione sperimentalmente riscontrata delle cellule del tessuto connettivo (fibroblasti) e delle cellule del sistema immunitario. Numerosi studi clinici dimostrano che gli antisettici contenenti iodio hanno un effetto positivo sul tasso di guarigione e sul tempo di guarigione delle ferite croniche.

La cautela è consigliabile nel caso di ampie zone della ferita attraverso le quali grandi quantità di iodio potrebbero entrare nell'organismo, così come in pazienti con precedenti malattie cardiache, renali o tiroidee. Anche le allergie possono verificarsi occasionalmente, raggiungendo molto raramente lo shock anafilattico(1)(2).

Conclusione: non tutte le ferite devono essere disinfettate con lo iodio. Usiamo lo iodio PVP nella colonizzazione mista complessa di ferite a guarigione ritardata, con forte odore o trasudanti.

Giallo = adatto in determinate circostanze

Questi preparati sono registrati come medicinali tradizionali senza studi di registrazione esclusivamente sulla base di molti anni di utilizzo per il settore di applicazione. Essi hanno lo scopo di favorire la "maturazione" e l'apertura spontanea dei centri incapsulanti di pus (ascessi). Poiché la maggior parte degli ascessi scoppia a un certo punto se si aspetta abbastanza a lungo, il beneficio di questi preparativi non sembra essere provato.

  • unguento ilon® Ointment classic (prodotto successore dell'unguento per ascessi ilon®): Gli ingredienti sono trementina di larice (Terebinthina veneta), olio di trementina del pino da spiaggia tipo olio di eucalipto, vaselina bianca, cera gialla, acido stearico, acido oleico, polisorbato 20, olio di rosmarino, olio di timo, timolo, complesso clorofilla-rame (E141), butilidrossitoluene (E321). La mia letteratura - le ricerche sulla "trementina" e sugli "ascessi" hanno rivelato solo il riferimento all'uso da 2000 anni, la causa degli ascessi da iniezione di trementina negli animali da esperimento e gli studi sulle allergie da contatto causate dalla trementina. 
  • Ichtholan 50% ® Unguento contiene il principio attivo bituminosolfonato di ammonio (ittiolo), vaselina gialla, idrocarburi microcristallini (C40-C60), cera di lana e acqua purificata. L'ittiolo appartiene al gruppo degli oli di scisto solfonati ed è stato utilizzato fin dal XIX secolo come agente antinfiammatorio e antibatterico in dermatologia, in concentrazioni più elevate del 20 - 50 % anche per gli ascessi. La banca dati medica PubMed non trova nemmeno uno studio sul trattamento degli ascessi per questo principio attivo.

Cortisone - preparati

Contributo in corso

Il metronidazolo è noto dal 1959 come antibiotico efficace contro i batteri anaerobi e i protozoi. Dall'applicazione in dermatologia per la rosacea e la dermatite periorale si sa che oltre all'effetto antibatterico viene dato anche un effetto antinfiammatorio non specifico. Inoltre, il metronidazolo stimola la crescita dei cheratinociti, le cellule della pelle. In ginecologia, il metronidazolo è frequentemente usato come supposte vaginali.

In proctologia, un unguento di metronidazolo al 10% è stato applicato con successo per la riduzione del dolore e la riduzione del volume di secrezione nelle fistole anali nel morbo di Crohn, nonché per la riduzione del dolore dopo la chirurgia delle emorroidi. La tollerabilità è buona, le allergie e il disagio durante l'applicazione sono rari.

Uno studio pilota sul trattamento delle ferite che non guariscono dopo la chirurgia del seno pilonidale è stato pubblicato nel 2016. Ha mostrato un tasso di guarigione dell'80% per ferite che prima non erano guarite per una media di 16 settimane. Sulla base di questi risultati molto incoraggianti, uno studio a lungo termine è in corso dal 2019, con risultati attesi nel 2023.

Se dopo l'operazione di un Fistola sacro coccigea la ferita non guarisce nonostante l'esaurimento di tutte le possibilità chirurgiche e la cura ottimale della ferita, ci sono poche alternative terapeutiche. Pertanto, la maggior parte degli esperti considera giustificato l'uso di questo unguento di metronidazolo al 10%. Dalla società britannica SLA Pharma, il preparato Ortem™ viene inviato su richiesta a certe condizioni, ma secondo le mie informazioni finora solo in Gran Bretagna.

In Germania, è fondamentalmente possibile avere un unguento comparabile preparato su prescrizione da un farmacista. A causa della mancanza di approvazione per questa indicazione, questo tipo di trattamento deve essere classificato come una terapia "off label", cioè non c'è responsabilità del prodotto di una casa farmaceutica.

Metronidazolo vaselina 10% 50 g

Metronidazolo, micronizzato 5,0 g
Miglyol® 812 6,0 g
Vaselinum album 39,0 g

Abbiamo avuto una buona esperienza con questo finora, il tasso di guarigione delle ferite problematiche dopo la chirurgia Fistola sacro coccigea è nell'ordine del 60-80%. La responsabilità di una tale prescrizione è fondamentalmente del medico prescrittore, non possiamo assumere alcuna responsabilità per l'efficacia e gli effetti collaterali.

Giallo = adatto in determinate circostanze

Conclusione: il metronidazolo al 10% come preparazione topica può essere utilizzato quando una ferita non riesce a guarire nonostante l'esaurimento delle opzioni stabilite.

Il miele veniva usato come unguento per le ferite dai Sumeri e dagli Egiziani nei tempi antichi. Studi scientifici hanno dimostrato che il miele

  • favorisce la pulizia delle ferite
  • grazie al suo valore di pH acido di 3,2 - 4,5, migliora il rilascio di ossigeno nel tessuto
  • Mediatori dell'infiammazione ridotti
  • promuove la guarigione e la rigenerazione dei tessuti e
  • ha un effettoantibatterico anche contro germi problematici come gli stafilococchi resistenti alla meticillina e lo pseudomonas(Curtis).
Miele di Manuka per la cura delle ferite
Barattolo di miele con fiori di Manuka della Nuova Zelanda (Leptospermum scoparium. Foto: istockphoto.com)

L'ingrediente attivo nel miele di Manuka dai fiori del cespuglio di Manuka non è il perossido di idrogeno come in altri mieli, ma il metilgliossale (MGO), più tollerante ai tessuti. L'effetto antimicrobico è dato in UMF® (Unique antimicrobial Manuka Factor), per uso medico si raccomanda un miele con un UMF > 10. Tuttavia, l'effetto sembra dipendere anche da altri fattori come il tempo di conservazione, come ha mostrato uno studio con diverse qualità di UMF.

Ilmiele medicinale viene filtrato e sterilizzato ai raggi gamma. Questo uccide i batteri e le spore mantenendo l'attività biologica. Il miele commestibile è solitamente riscaldato e perde gran parte della sua attività benefica.

Le preparazioni di miele di Manuka medicinale sono disponibili in tubi (per esempio MediHoney®), in combinazione con alginato(Algivon Plus®) o garza(Actilite®).

I benefici del miele nel trattamento delle ferite sembrano essere maggiori nelle prime fasi della pulizia della ferita. Secondo un'analisi Cochrane, le ferite infette post-operatorie trattate con il miele di Manuka guariscono più velocemente di quelle trattate con antisettici e garze, il che fa apparire il trattamento dei disturbi di guarigione delle ferite dopo la chirurgia radicale convenzionale, per esempio, come un'area di applicazione sensata. Tuttavia, la DGfW non è stata in grado di formulare una raccomandazione nella sua linea guida S-3, adottata nel 2014, poiché gli studi esistenti non hanno finora dimostrato alcun beneficio definito, ma hanno mostrato un aumento del dolore.

Giallo = adatto in determinate circostanze

Sulla base della letteratura, il miele medicinale sembra essere un'opzione quando una ferita suturata è scoppiata di nuovo o una ferita aperta non vuole guarire. Finora non abbiamo la nostra esperienza con il miele.

Rasatura, epilazione, ceretta, laser?

depilazione

Prevenzione, trattamento post-operatorio e profilassi delle recidive

Da dove vengono i capelli che si trovano nella grotta di un Fistola sacro coccigea ? 

  • I capelli provengono principalmente dalle radici dei capelli nella zona della piega glutea
  • Nuovi studi dimostrano che i capelli dalla testa si trovano anche nei condotti della fistola, i capelli dalla schiena solo raramente. I capelli corti, appena tagliati dal collo sembrano penetrare più facilmente nella pelle.
  • Inoltre, accade che i depositi di forfora cheratinica dovuti alla formazione di capelli disturbati portino ad un'espansione della radice del capello. 

Nella mia esperienza, una piega glutea senza peli riduce il rischio di problemi di guarigione dopo l'intervento. Molte presunte recidive sono in realtà cicatrici chirurgiche mal guarite(fistole di tipo IV) che probabilmente avrebbero potuto essere evitate con una depilazione costante nelle prime fasi dopo l'intervento. La penetrazione di peli sciolti da altre parti del corpo è più probabile che si ottenga coprendo con una medicazione chiusa.

Depilazione ed epilazione

Le procedure che rimuovono solo la parte visibile del pelo, il fusto del pelo (rasatura, crema depilatoria) sono chiamate depilazione. Durano circa 2 settimane e per loro natura non possono colpire la radice dei capelli in profondità e quindi il rischio di una vera recidiva. Contrariamente alla credenza popolare, la depilazione non cambia il tasso di crescita. 

Con l'epilazione vera e propria, viene rimosso anche il bulbo pilifero e quindi si ottiene un effetto per circa 6-8 settimane. Questo include la spiumatura, la ceretta, lo zuccheraggio e in un senso più ampio anche l'epilazione laser e l'elettrolisi.

Rasatura - Utile, indifferente o dannosa?

La raccomandazione dell'OMS del 2016 dice: "La rasatura è fortemente sconsigliata in ogni momento, sia preoperatoriamente che in sala operatoria". - In una persona sana, la vediamo allo stesso modo: non c'è nessuna ragione medica per radersi in nessuna parte del corpo.

Prima dell'operazione un Fistola sacro coccigea, e lì meglio già nella pianificazione, consideriamo la rasatura ma indispensabile. Perché? Soprattutto nei pazienti con capelli folti, la vera estensione di Fistola sacro coccigea e il numero e la localizzazione delle fosse possono essere valutati solo allo stato rasato. Usiamo rasoi convenzionali per questo scopo. Questo ci permette di radere direttamente la ferita anche nella profondità della piega glutea e in combinazione con Octenisept come disinfettante senza spargere frammenti di peli tagliati sulla ferita.

Per l'epilazione laser, che viene quasi sempre eseguita come primo passo dell'operazione, i peli devono essere tagliati esattamente a livello della pelle in modo che non si verifichino bruciature superficiali della pelle.

In altre operazioni e in altre regioni del corpo può essere 

Tutto per un aftercare ottimale dopo Fistola sacro coccigea OP
Antisettico senza alcool, rasoio ospedaliero e bikinizon rasoio

Dopo l'operazione di un Fistola sacro coccigea consideriamo anche la rasatura dei dintorni della ferita come essenziale. Il 90% di tutti i problemi sono causati dall'irritazione meccanica della ferita da parte dei capelli circostanti.

Si consiglia quindi di radersi fino a quando la ferita non è chiusa e la cicatrice non è stabile. Nella fase iniziale della guarigione della ferita, il tessuto cicatriziale è ancora morbido e vulnerabile, in modo che i peli possano riattaccarsi. 

Il modo più semplice per radersi è con semplici rasoi monouso ("rasoi da ospedale", ad esempio da Wilkinson®) dopo aver spruzzato un antisettico senza alcool (ad esempio Octenisept®). La consistenza viscosa di questo agente assicura che il rasoio scivoli senza sforzo sulla pelle e che la barba rasata non cada nella ferita. L'effetto antisettico previene l'irritazione della pelle. Nelle aree difficili da raggiungere, un rasoio bikinizone può essere utile. Anche l'uso di tosatrici o regolabarba dovrebbe funzionare. Ho ricevuto un feedback positivo dai pazienti, soprattutto per quanto riguarda i trimmer di precisione come quelli di Braun o Beurer.

I consigli per una rasatura di successo si trovano nel nostro video:

Cliccando su questo link lasciate il nostro sito web e utilizzate l'offerta di Youtube. Non abbiamo alcuna influenza sulla raccolta dei dati personali e sulla loro elaborazione e conservazione in centri di calcolo al di fuori della validità del DSGVO.

Con l'epilazione convenzionale, i peli vengono estratti con un sistema di pinzette rotanti (es. Braun Silk-épil, Philips SatinPerfect). Questo effetto può anche essere ottenuto con strisce di cera riscaldate o con una pasta leggermente caramellata di zucchero, acqua e succo di limone (sugaring ). Quest'ultimo è considerato un metodo particolarmente naturale e delicato.

Tirando i capelli, i capelli si rompono appena sopra la radice del capello, la radice e la zona di crescita non vengono rimossi. All'esterno, ci saranno capelli liberi per qualche settimana, ma i capelli ricresceranno sempre.

Questa tecnica di epilazione è principalmente adatta per la depilazione cosmetica. Mi sembra improbabile che possa impedire la formazione di un Fistola sacro coccigea . Al contrario, per la cura dopo un intervento chirurgico radicale, l'epilazione può anche essere un mezzo per evitare che i peli crescano nella ferita chirurgica ancora aperta dal lato.

Epilazione
Depilazione meccanica © istockphoto.com

Depilazione chimica

La depilazione con crema depilatoria è un'opzione molto usata e indolore per la rimozione temporanea dei peli che produce una barbetta meno sgradevole della rasatura. Si basa sulla scissione dei ponti disolfuro nei e sui capelli da parte dei tioglicolati. I fusti dei capelli sono così sciolti a circa 1 - 2 mm sotto la pelle. Si evita la barbetta appuntita come nella rasatura.

I prodotti disponibili in commercio differiscono principalmente nella concentrazione dell'agente attivo e nella sostanza portante, nelle sostanze per la cura della pelle e nei profumi e conservanti. Nella zona della piega glutea si ricorrerebbe a prodotti esplicitamente approvati per la zona intima.

La crema viene applicata e lasciata per circa 10-15 minuti fino a quando viene lavata via o raschiata con un raschietto. Durante questo processo, i peli cadono. Si consiglia di testare un preparato su una zona meno sensibile prima di trattare con esso zone sensibili come la piega delle natiche.

Questo evita l'irritazione della pelle, che in casi estremi può portare a piaghe come bruciature o abrasioni. L'uso della crema depilatoria non deve essere combinato con la ceretta o l'epilazione meccanica, poiché questi metodi rendono la pelle più sensibile.

Depilazione laser

Anche la migliore tecnica chirurgica non può garantire una percentuale di successo del 100%. Se una fistola si ripresenta dopo un'operazione, o si sono formati nuovi "pozzi" o si sono perforati dei peli nel tessuto cicatriziale meno stabile. Questo problema può essere evitato se le radici dei capelli nella zona critica sono permanentemente inattivate dall'energia luminosa. Un recente studio ha mostrato un dimezzamento del tasso di ricorrenza dopo l'intervento chirurgico dal 19,7% al 9,3% dopo la depilazione laser.

Depilazione elettrica (elettroepilazione, elettrolisi)

  • Nell'epilazione ad ago, un filo sottile viene inserito nel follicolo pilifero parallelamente al fusto del pelo e la radice del pelo alla base del follicolo viene distrutta con una corrente elettrica. I peli sciolti vengono strappati con una pinzetta.
  • Nel caso del trattamento di elettrolisi medica, la radice del pelo viene sclerotizzata per mezzo di un impulso a onde corte, che viene applicato anche tramite una sonda inserita.

Questi metodi sono considerati dalla FDA americana come l'unica tecnica di depilazione veramente permanente. I rischi includono l'infezione del follicolo pilifero. Come per l'epilazione laser, devono essere eseguiti trattamenti ripetuti.

Questo trattamento richiede una profonda formazione ed esperienza e non è disponibile a livello nazionale. Inoltre, non ci sono - giustamente - terapisti che lavorano per la tariffa di 6,45 € offerta dall'assicurazione sanitaria pubblica attraverso il numero EBM 10340 (epilazione per elettrocoagulazione).

Sul sito dell'associazione professionale puoi controllare se un terapeuta offre questa tecnica nella tua regione. Ha dei vantaggi soprattutto per i peli molto chiari e/o delicati che non rispondono in modo ottimale al trattamento laser.

Conclusione: metodo efficace per la riduzione dei capelli, a seconda della disponibilità, servizio self-pay.

Verde = consigliato
Si devono inghiottire i farmaci?

antibiotici

Antibiotici sistemici (compresse, infusioni)

Gli antibiotici non sono un trattamento di prima scelta. Possono aiutare a contenere un'infiammazione acuta e quindi a risparmiare tempo. Nel caso di sintomi acuti, ad esempio in vacanza, questo tipo di trattamento può talvolta colmare il tempo fino a quando il paziente non è in grado di tornare a casa. Tuttavia, il successo del trattamento antibiotico è una questione di fortuna:

C'è sempre uno spettro misto di batteri diversi, per cui sono necessari antibiotici ad ampio spettro (ad esempio cefuroxime, amoxicillina / acido clavulanico). Tuttavia, è possibile che i batteri che causano l'infiammazione siano resistenti all'antibiotico utilizzato o che l'antibiotico non raggiunga un livello efficace sufficiente nel luogo dell'infiammazione. La guarigione della fistola non può mai essere ottenuta con gli antibiotici. 

Giallo = adatto in determinate circostanze
Antibiotici per Fistola sacro coccigea
Antibiotici per Fistola sacro coccigea
Altri paesi, altre usanze

Metodi di trattamento da tutto il mondo

Lontano dalla medicina ortodossa occidentale

Il metodo è stato descritto per la prima volta da Lawrence e Greenwood nel 1964. Dichiarano una cura nell'84% dei casi. 

Girgin riporta un tasso di successo del 64,5% per il singolo e del 95% per l'introduzione ripetuta di fenolo cristallino nel tratto fistola. Il trattamento viene effettuato in anestesia locale, i capelli vengono rimossi dal tratto fistola con una pinza e il tratto viene risciacquato. L'area circostante è mantenuta libera da peli durante tutto il periodo di guarigione.

Secondo la legge tedesca sulle droghe, il fenolo non può più essere utilizzato (monografia negativa Pharm. Ztg. 143 (1997), 4103 e 4386). È tossico e irrita la pelle e le mucose.

Le misure di accompagnamento corrispondono ad una raccolta differenziata. Un ulteriore vantaggio del fenolo non mi sembra quindi dimostrato.

fenolo2.svg
Formula chimica del fenolo © Di NEUROtiker
Studi sull'instillazione di fenolo
Autore
Anno
Quantità
Percentuale di seguito
Anni successivi
% Ricorrenza
% Complicazione
Maurice
1964
21
Non specificato
1,5
19
Non specificato
Aygen
2010
36
100
4,5
13,9
8,3
Ragazza
2012
48
96
1,83
5,0
Non specificato
Calikoglu
2017
70
95,9
3,3
14,3
8,6
Dogru
2020
1026
Non specificato
Non specificato
15,7
Non specificato

Vaselina, henné e tetraciclina - la miscela dall'Iraq

(non disponibile in Germania)

Uno studio randomizzato su 400 pazienti è stato pubblicato dall'Università di Sulaymani in Kurdistan. Nel gruppo terapeutico è stata iniettata nel tratto fistola una miscela di 100 g di vaselina, 50 g di henné in polvere (Lawsonia inermis) e 5 g di tetraciclina. Nel gruppo di controllo la fistola è stata asportata con chiusura della ferita primaria. I tassi di guarigione sono stati del 94% per la chirurgia e dell'89% per l'iniezione di unguento. Purtroppo non ho trovato alcuna informazione nel lavoro sul tasso di follow-up e sul periodo di osservazione. Conclusione: idea non convenzionale, valutazione non possibile.

Tradizionalmente, la medicina ayurvedica utilizza drenaggi di filo impregnati di estratti di piante e sali per il trattamento delle fistole. Una pubblicazione può essere trovata su un Combinazione di escissione chirurgica, scleroterapia con olio caldo e applicazione di solfato di rame. Le scoperte scientifiche su questi metodi permettono solo una menzione aneddotica, ma nessuna valutazione della procedura.

La nostra raccomandazione semaforo

Verde = consigliato
Giallo = adatto in determinate circostanze
Rosso = non consigliato o non disponibile

In nessun caso la seguente presentazione deve servire da guida per un autotrattamento acritico. Le raccomandazioni seguono al meglio delle nostre conoscenze dalla nostra esperienza e da pubblicazioni selezionate. Non rappresentano un'analisi sistematica degli studi disponibili. In ogni caso, consultare uno specialista esperto nel trattamento delle ferite prima dell'uso.