Guarigione con luce focalizzata

Chirurgia laser - Epilazione laser

Il laser in medicina

Cosa c'è di così speciale nella chirurgia laser?

Il termine laser fa pensare all'alta tecnologia e alla precisione. Il paziente si aspetta un trattamento innovativo e delicato da un'operazione laser. La potenza della luce focalizzata dovrebbe prevenire sanguinamenti e recidive e garantire un breve tempo di guarigione.

Ecco perché usiamo questa tecnologia dal 2011. In Fistola sacro coccigea chirurgia laser, si distingue tra la scleroterapia termica (FiLaC/SiLaC) e l'escissione della fistola con il bisturi laser (sinusectomia laser).

Nel trattamento post-operatorio di un seno pilonidalis, la terapia laser a basso livello (LLLT) e la depilazione laser vengono utilizzati.

  • I raggi laser sono monocromatici: la luce visibile contiene uno spettro continuo. Il laser fornisce una lunghezza d'onda definita con precisione. La selezione della lunghezza d'onda controlla dove e come il laser funziona nel tessuto.
  • Si utilizza l'effetto del fototermolisi selettiva. Ciò significa che una struttura bersaglio (cromoforo) assorbe la luce della lunghezza d'onda utilizzata molto più fortemente del tessuto circostante.
  • I raggi laser sono raggruppati e coerenti: i laser sono caratterizzati da un'elevata densità di energia portata al punto. Questo ci permette di ottenere una protezione ottimale dei tessuti sani.
Schema delle curve di assorbimento dei cromofori rilevanti dal punto di vista medico
Selezionando la lunghezza d'onda si ottiene una terapia mirata: la curva mostra l'assorbimento di diverse lunghezze d'onda nell'acqua, l'emoglobina del pigmento del sangue e la melanina del pigmento della pelle. Le due lunghezze d'onda del nostro laser a depilazione, 800 e 950 nm, sono vicine al campo dell'infrarosso ("vicino infrarosso"). È importante capire che si tratta di una rappresentazione logaritmica. La melanina assorbe quindi le due lunghezze d'onda 10 x meglio dell'emoglobina e 100 x più forte dell'acqua.
La storia del laser

Einstein e il laser

Aveva "una luce magnifica", scrisse il genio del secolo in una lettera del 1916.
Einstein e il laser
Egli ha posto le basi teoriche per lo sviluppo del laser - Albert Einstein. © www.pixabay.com

Quando Albert Einstein studiò la questione di come le stelle emettono la loro luce, riuscì a ricavare "una legge incredibilmente semplice", che poi pubblicò con il titolo "Emissione e assorbimento delle radiazioni secondo la teoria quantistica".

Amplificazione della luce mediante emissione stimolata di radiazioni: il 16 maggio 1961, l'ingegnere elettrico e fisico americano Theodor Maiman dei Laboratori di Ricerca Hughes riuscì a convertire il lampo di ispirazione di Einstein in un laser funzionale con il primo laser al rubino.

La pubblicazione di questo atto pionieristico è stata inizialmente respinta. Maiman è stato nominato due volte al premio Nobel, ma il massimo riconoscimento scientifico è andato al suo rivale Charles Townes dei Bell Labs.

Oggi i laser sono indispensabili anche in medicina. In particolare, i laser a diodi che seguirono il laser all'arseniuro di gallio di Robert Hall nel 1962 portarono la medicina e la chirurgia in una nuova era con la disponibilità di laser maneggevoli e potenti.

Nel 1967, mentre cercava di curare i tumori con il laser presso l'Università di Budapest, Endre Mester scoprì accidentalmente l'effetto curativo delle radiazioni laser a bassa energia e pose così le basi per la LLLT (terapia laser a basso livello).

Apparecchiature laser nel nostro studio

Lo strumento giusto per ogni scopo
Luce blu per la chirurgia laser del Fistola sacro coccigea
Novità: Intros Dios Blue 470 nm
laser a diodi 470 nm

Intros Dios Blu

Chirurgia laser: sinusectomia, rimozione di verruche, lesioni cutanee pigmentate e vascolari

Nonostante la sua potenza apparentemente bassa di massimo 10 W, questo laser apre possibilità completamente nuove per la chirurgia laser: con il suo effetto ottimizzato su emoglobina e melanina, taglia con precisione lungo la capsula della fistola ben perfusa. La bassa profondità di penetrazione nel tessuto protegge l'ambiente sano ancora meglio dei laser a infrarossi. Il tessuto adiposo sottocutaneo, ricco di acqua grazie all'anestesia tumescente (una forma speciale di anestesia locale) che utilizziamo, non assorbe quasi nessuna energia, i danni termici collaterali sono ridotti al minimo.

Diodo laser per la depilazione permanente (epilazione laser)
Il nostro MeDioStar NeXT di Asclepion è un potente laser per la depilazione
Laser a diodi con lunghezza d'onda Mix 810/940 nm

Asclepion MeDioStar NeXT

Depilazione permanente

Già nell'età della pietra, più di 25.000 anni fa, si dice che la gente raschiasse i capelli indesiderati con conchiglie e pietre appuntite. Gli egiziani al tempo dei faraoni mescolavano una pasta depilatoria fatta di zucchero, succo di limone e acqua di rose ("Halawa"). La depilazione permanente era possibile solo con corrente elettrica o energia luminosa.

La depilazione rappresenta oggi un mercato in crescita a livello mondiale con un volume stimato di 1,35 miliardi di dollari e tassi di crescita annuale del 10%. Nelle applicazioni mediche, traiamo vantaggio da questo sviluppo grazie alla disponibilità di una tecnologia matura e sicura.

La melanina nei capelli assorbe l'energia del laser. Il capello viene così riscaldato a oltre 61°C, la radice del capello viene inattivata. Il sistema di raffreddamento integrato protegge la pelle.

Le nostre radici dei capelli sono sempre in fasi di crescita diverse. Il laser funziona meglio su capelli spessi e pigmentati in fase Anagen. Nella fase di riposo (telogen), la radice del capello non contiene capelli e quindi non assorbe energia. Ripetendo il trattamento ogni 4 - 6 settimane, tutte le radici dei capelli vengono gradualmente raggiunte una volta nella fase Anagen.

Il trattamento funziona meglio, più chiara è la pelle e più scuri sono i capelli. Negli studi, il trattamento laser è stato due volte più efficace dell'elettrodepurazione. Solo con i capelli biondi chiari o bianchi il laser raggiunge i suoi limiti.

Osserviamo un ottimo risultato di trattamento dopo 4 - 8 trattamenti in un intervallo di tempo di 4 - 6 settimane. Un ulteriore trattamento a 6 mesi dalla fine del trattamento sembra migliorare l'effetto a lungo termine.

Autore Anno Quantità Seguito (mesi) % Ricorrenze Vantaggio laser
Conroy 2008 14 12 0 k. K.
Campione #2 Riga 2, contenuto 1 Riga 2, contenuto 2
Campione #3 Riga 3, contenuto 1 Riga 3, contenuto 2